Article
0 comment

Affrontare le paure

Cosa succederà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi? Cosa succederà al nostro lavoro, ai nostri contatti sociali, alla nostra libertà? Quando potremo di nuovo abbracciare le nostre famiglie o viaggiare?Quello che stiamo vivendo ora è davvero un periodo incerto ed è “normale” sperimentare la paura.  [Read more]

Article
0 comment

Dal lutto alla mobilitazione delle energie

Prima della crisi del Covid, avevo intenzione di scrivere un articolo sugli “stressors“, le situazioni e gli atteggiamenti che incontriamo e/o manteniamo nella nostra vita e che provocano stress negativo nel nostro corpo (1). Naturalmente, ora che ci troviamo in una situazione difficile, riflettere su questo non sembra essere una priorità 🙂
Una priorità maggiore può essere quella di riflettere su come affrontare le rinunce a un certo numero di attività….incontrare le persone che amiamo, uscire, viaggiare, … Naturalmente, queste rinunce sono il nostro contributo

Quando cerchiamo di ignorare ciò che è difficile e doloroso, anche se la nostra mente razionale lo giudica sciocco, può farci sentire depressi, soprattutto se è legato ad una limitazione del nostro senso di libertà.
Per occuparci di questo, consiglio – e lo sto praticando io stessa – di lavorare con… il lutto. Sono consapevole che questo suona molto drammatico, ma in questo periodo caratterizzato dalla rinuncia a diverse attività, i piccoli e grandi dolori che proviamo, possono consumare l’energia e bloccare la nostra capacità di adattamento e di resilienza.

Poiché abbiamo bisogno della nostra energia, soprattutto in questo periodo, è dunque importante di riconoscere la nostra perdita; ciò significa non negare che ne siamo toccati. Essere toccati – dal dolore o dalla paura – significa sentire la nostra perdita – anche se è solo temporanea. Ancora più importante, essere toccati ci permetterà di sentire ciò che è positivo durante questo periodo: meno stress, più contatti con le persone che amiamo, più riposo, giornate più tranquille, la possibilità di goderci la famiglia, ecc.

Quindi riconoscere le attività che ti mancano, anche se per la tua mente razionale sembra non importante, aiuta la trasformazione dal lutto alla mobilitazione delle tue energie.
Se desideri lavorare su questo, ti suggerisco di preparare 2 liste:

  1. Cosa ti manca durante la quarantena? A cosa hai rinunciato?
    Dai spazio/tempo per sentire le emozioni connesse con essa.
    Poi descrivi per ogni singolo punto, cosa ti aspettavi di ricevere. Connettersi a questo sentimento ti permetterà di riconoscere anche ciò che ami.
  2. Cosa ti piace durante la quarantena?
    Datti di nuovo lo spazio/tempo per sentirlo.
    Poi descrivi per ogni punto, cosa ne ricevi.

Probabilmente alcuni degli elementi della prima lista sono le attività con cui potresti voler “iniziare”, una volta terminata la quarantena. E alcuni degli elementi della seconda lista sono le attività che vorresti mantenere nella tua vita dopo la quarantena.
Usa questo periodo per permettere un cambiamento dentro di te che si manterrà anche dopo la crisi del Covid: ricordati cosa è importante per il tuo cuore!

Se hai bisogno di un sostegno per chiarire cosa ti manca o cosa puoi festeggiare, posso aiutarti via Skype! Aspettando di incontrarti presto nella mia Praxis!

(1) Ho preso questo termine da un libro di Gabor Mate, “Quando il corpo dice no, il costo dello stress nascosto”, Vermillon Londra, 2019. Prima pubblicazione 2003 in Canada.

Article
0 comment

Convalidate le mie sensazioni

“Non so nemmeno da dove cominciare, dato che Michelle mi ha aiutato in innumerevoli modi e situazioni, ma se dovessi fare una liste, direi che Michelle mi ha aiutato a:
a) diventare più consapevole di ciò che sento (e dove lo sento) e convalidare queste sensazioni;
b) ascoltare realmente ciò che queste sensazioni vogliono dirmi e non seppellirli da qualche parte nel profondo.
Ho anche ri-imparato a respirare e a riconoscere quei segni rivelatori quando qualcosa non va bene e ha bisogno di più attenzione. O quanto piangere (la quantità di fazzoletti di Kleenex che ho usato durante le sedute è ridicola) per arrivare a lasciar andare tutto.
Inoltre, con l’aiuto di Michelle sono riuscita a rompere gli schemi di reazione che avevo mantenuto sin dalla mia prima infanzia. Ci é voluta pratica e pazienza, ma essere consapevoli di tali schemi è stata una vera svolta.
Purtroppo ci siamo trasferiti negli Stati Uniti e Michelle non è venuta con noi, ma terrò sempre le sedute di terapia vicino al mio cuore e continuerò a lavorare su me stessa.
A chiunque si chieda se sia il caso di andare a trovare Michelle, non potrò mai raccomandarla abbastanza: non si può sbagliare a farsi aiutare da Michelle durante il proprio viaggio! La sua competenza, il suo umorismo e la sua empatia vi guideranno e vi sosterranno nel vostro cammino. Per tutto l’aiuto che mi hai dato, ti dico grazie, Michelle! Aloha” Amy

Article
0 comment

Serie di Conferenze Pratiche

I miei clienti mi chiedono spesso come arrivare a capire meglio i messaggi del loro corpo e arrivare così  a cambiare certe reazioni negative. La mia risposta é: imparando a vivere di più nel corpo!
Per sostenere in pratica questo approccio, oltre alle sedute individuali e alle attività di gruppo del giovedì mattina, ho deciso di organizzare una serie di 3 conferenze su “Respirazione”, “Dormire e Riposare” e “Digestione”.
Lo scopo di queste 3 conferenze è quello di aiutare i partecipanti a diventare maggiormente fisici.

Essere bloccato, stressato, stanco, ansioso, con sintomi fisici e dolori, …, tutto ciò ha un’influenza su come respiriamo, su come riusciamo a riposarci e sulla nostra digestione.
Liberare consapevolmente le tensioni, diventare consapevoli delle reazioni a ciò che viene percepito, avere una mente più calma in modo da notare i segnali del proprio corpo permettono di riprendere il controllo sulle nostre reazioni negative.

[Read more]

Article
0 comment

Nuovi modi per affrontare le sfide

“Ho preso una serie di sedute con Michelle e mi sono sentito enormemente sostenuto da lei! Il suo calore e il suo umorismo, uniti alla chiarezza e molta esperienza, hanno creato un’atmosfera di grande fiducia e comprensione. Questo mi ha permesso di rimettermi in contatto con me stesso e di imparare nuovi modi di affrontare le sfide”, David, musicista.